Terapie espressive

terapie-espressive

Cosa sono le terapie espressive?

 

La scelta delle terapie espressive nasce dalla consapevolezza dell’importanza, all’interno di una relazione di cura, dell’espressione autentica e creativa di sé attraverso un canale comunicativo di tipo non verbale.

La comunicazione e la relazione attraverso il movimento del corpo, così come la relazione con gli “strumenti” (musicali o artistici) diventano   garanti di uno “spazio” (reale e metaforico) che fornisce contenimento e la possibilità di una effettiva espressione e trasformazione di temi e contenuti.

Un laboratorio di terapia espressiva, individuale o di gruppo diventa uno spazio in cui i pazienti possano esprimersi attraverso un canale analogico e non verbale e trovare un rispecchiamento utile alla loro crescita personale e di relazione.

L’Arteterapia è una tecnica che nasce dall’ incontro tra l’arte e la psicologia, quest’ultima intesa come disciplina che si occupa delle relazioni dinamiche tra atteggiamenti e comportamenti delle persone e la loro componente emotiva e relazionale. L’espressione artistica, in particolare la creazione di immagini, permette l’espressione, la condivisione e l’elaborazione dei vissuti emotivi e delle tematiche personali.

 

L’intervento dell’arteterapeuta

 

L’arteterapeuta è un laureato che ha svolto una formazione triennale in Arteterapia, oppure, un laureato in Psicologia o Medicina, che ha completato un un corso di specializzazione in Psicoterapia Espressiva, riconosciuto dal MIUR, della durata di 4 anni.

 

L’arteterapia è utilizzata quale terapia complementare in ambito clinico e di promozione del benessere o come modalità specifica di trattamento e prevenzione di una pluralità di manifestazioni della sofferenza e del disagio psichico, somatico e relazionale (in questo caso siparla di Psicoterapia Espressiva).

Disegni, pitture, collages, sculture e “schizzi” diventano il mezzo creativo attraverso il quale il paziente può portare all’interno della relazione terapeutica individuale o gruppale i propri contenuti interiori. Alla produzione delle immagini si accompagna necessariamente l’elaborazione attraverso la parola ed il pensiero, al fine di aumentare la consapevolezza di sé.

È una tecnica consigliata in ogni fascia di età, sia per bambini che per adulti e non necessita di una preparazione tecnica preliminare.

 

L’arteterapia allo Studio Cometa

 

In particolare l’arteterapeuta di Studio Cometa si occupa di:

 

  • Età evolutiva: per il bambino l’attività grafico-pittorica è un’esperienza completa che coinvolge tutti i sensi: attraverso il gioco e la manipolazione dei materiali il bambino ha l’opportunità di una migliore scoperta di sé e del mondo che lo circonda.
  • Trattamento dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento: può essere necessario un lavoro di rafforzamento dell’autostima e di sviluppo della creatività: le sedute individuali di Arteterapia permettono al bambino di sperimentarsi in un’area di gioco, differente da quella del compito scolastico, in cui è possibile sperimentare le parti buone di sé, superando un eventuale sensazione di inadeguatezza e sviluppando nuove potenzialità.

La musicoterapia si occupa di tutte quelle situazioni che necessitano di un intervento a carattere non-verbale ed in particolare dove sussista un disturbo qualitativo e quantitativo della sfera comunicativo-relazionale. Attraverso la relazione con il terapeuta e la mediazione dell’elemento sonoro-musicale il soggetto potrà sperimentare un’esperienza di tipo sensoriale attraverso l’ascolto, la produzione sonora e l’mprovvisazione, avviando processi di trasformazione e integrazione psico-corporea (dal “senso-corpo” alla mente) all’interno di un progetto specifico e mirato.

 

L’intervento del musicoterapista

 

Il Musicoterapista è un professionista diplomato in musicoterapia che possiede competenze teoriche e metodologie in diverse aree: relazionale (ascolto, empatia), psicologica (clinica e musicale), musicale (teorica, storica e pratica), antropologica-musicologia e in riferimento alle neuroscienze. Deve inoltre possedere una buona pratica polistrumentale, capacità musicali di improvvisazione/composizione e una pratica nell’utilizzo dei propri mezzi espressivi vocali e corporei.

La musicoterapia ha una finalità preventiva e riabilitativa in quanto promuove l’apertura di nuovi canali comunicativo-relazionali, lo sviluppo di capacità di autoregolazione emotiva e sollecita una maggiore conoscenza di sé e delle proprie potenzialità espressive e creative.

Gli ambiti di intervento sono molteplici, rivolti a tutte le fasce di età.

 

La musicoterapia allo Studio Cometa

 

In particolare il musicoterapista di Studio Cometa si occupa di:

  • Difficoltà di natura psico-sociale (isolamento sociale, comportamentale, regolazione emotiva)
  • Difficoltà legate a diagnosi o disturbi specifici (autismo, iperattività, disturbi dell’attenzione e del comportamento, inibizione, disturbi di origine ansiosa)
  • Interviene laddove si ravveda la necessità di un rinforzo e sostegno a carattere riabilitativo sull’area del linguaggio, della percezione-organizzazione e della motricità globale